Regina del SoleRegina del Sole by Karl Schroeder
My rating: 3 of 5 stars

Dopo Il sole dei soli lo scenario si restringe, diventa claustrofobico e Venera deve fare i conti con sè stessa e, nell’affrontare esperienze che la metteranno a dura prova, rafforzerà il proprio carattere, crescendo pagina dopo pagina e capendo che il prossimo non è sempre e solo un avversario da sbaragliare con uno dei suoi intrighi, ma può diventare un alleato sincero e senza secondi fini. Nel finale del libro lo scenario cambia di nuovo e metaforicamente Spyre, un luogo chiuso verso gli stimoli esterni e con rare interazioni con i principati di Candesce, rappresenta la Vera precedente alle avventure narrate in questo libro, che le permetteranno invece di aprire la mente ed aprirsi agli altri.

View all my reviews

AccettazioneAccettazione by Jeff VanderMeer
My rating: 2 of 5 stars

Gradimento decrescente volume dopo volume: e se prima di Accettazione il giudizio era abbastanza buono ma sospeso, in attesa del capitolo finale, a lettura terminata non posso che essere concorde con i tanti lettori rimasti delusi dalla trilogia dell’Area X. Le sensazioni positive dei volumi precedenti, Annientamento in primis, sono state spazzate via dal brodo costante di questo ultimo volume, peccato.

View all my reviews

Sirene e figlie famelicheSirene e figlie fameliche by Alyssa Wong
My rating: 5 of 5 stars

La penna della Wong è affilata e precisa, supportata da un’ottima traduzione. Entrambi i racconti sono originali ed avvincenti: il primo “contatto” con la Legion va in porto alla grande 🙂

View all my reviews

ScroogledScroogled by Cory Doctorow
My rating: 4 of 5 stars

Breve ed efficace sunto del pensiero di Doctorow che rapisce il lettore dalle prime righe e lo porta verso le estreme conseguenze del controllo da parte di Google alimentato dall’enorme mole di informazioni di cui ormai dispone, tale da schedarci in base alla nostra cronologia di navigazione. Argomento attuale, il diritto all’oblio è un tema molto controverso e di cui si è parlato in lungo e largo in queste settimane (vedi il caso Cantone), di cui l’autore fantasticava nel lontano 2007. Applausi. Traduzione da limare, un testo simile merita maggiore accuratezza per quanto breve.

View all my reviews

La guerra di Johnny Appledrone (Future Fiction Vol. 28)La guerra di Johnny Appledrone by Lee Konstantinou
My rating: 4 of 5 stars

Ottimo racconto: semplice, lineare e senza artifici, si “beve” in un attimo. Notevole l’abilità dello scrittore che in poche pagine ci rende partecipi della crescita del protagonista che passa dalla ricerca di un lavoro remunerativo trovando poi invece qualcosa di molto più prezioso e duraturo: un ideale per cui lottare.

View all my reviews

La sottile linea scuraLa sottile linea scura by Joe R. Lansdale
My rating: 5 of 5 stars

Altra perla di Lansdale. Grande caratterizzazione dei personaggi, cane compreso. Stupisce la facilità con cui l’autore riesce a trattare tematiche di un certo rilievo con leggerezza e anche quel pizzico di ironia che lo contraddistingue. Dialoghi spettacolari come al solito.

View all my reviews

Chi perde pagaChi perde paga by Stephen King
My rating: 4 of 5 stars

Secondo appuntamento, di tre, con il detective Bill Hodges che non delude le aspettative con un romanzo denso e coinvolgente dalla prima pagine e che riesce a catturare il lettore nonostante i protagonisti del primo romanzo appaiano solo successivamente. Ogni pagina, vista anche la tematica che fa da intreccio a tutta la storia, trasuda amore per la letteratura e per la scrittura, con dei deboli rimandi a Misery nell’ossessione per il personaggio creato dallo scrittore che travalica la normale passione del lettore trasformandosi in ossessione.

View all my reviews

John CarterJohn Carter by Edgar Rice Burroughs
My rating: 4 of 5 stars

Romanzo ultracentenario ma che si porta bene i suoi anni. Lettura d’evasione ma molto coinvolgente e senza pause. Forse può apparire troppo lineare e con un protagonista troppo abile in tutto, ma ha il grande merito di aver ispirato tanti scrittori che hanno poi affinato quanto scritto da Burroughs che è comunque piacevole da leggere, pur con i suoi limiti. Il finale in parte da fiaba è forse il punto debole di questo primo libro, mentre ho trovato molto più interessanti i vari scontri e soprattutto la parte iniziale in cui John Carter inizia a prendere confidenza con Marte/Barsoom, i suoi abitanti e via dicendo.

View all my reviews

L'eterno addio (Future Fiction Vol. 34)L’eterno addio by Chen Qiufan
My rating: 3 of 5 stars

Tre racconti con pennellate simili, che riescono in poche righe a creare atmosfere e contesti affascinanti ed originali. Una costante dei tre racconti è però il fatto che lo scrittore tenda ad osare troppo, facendo perdere, ma magari è un mio limite, il filo del racconto al proprio lettore, perdendo punti per inezie. Il secondo racconto è il mio preferito ed è una curiosa storia sulla percezione del tempo e differente utilizzo di tale percezione a seconda delle necessità e, soprattutto, della classe sociale di appartenenza. Davvero molto interessante la facoltà di mutare la percezione del passare del tempo così da aumentare i livelli di PIL.

View all my reviews

Rumore grigio - Conversazioni con Yoni ReiRumore grigio – Conversazioni con Yoni Rei by Pepe Rojo
My rating: 4 of 5 stars

Contrariamente al secondo racconto, Rumore grigio mi ha letteralmente conquistato pagina dopo pagina, con la sua feroce critica al voyeurismo della nostra società, caratterizzata da una frenesia e continuo rilancio dei media alla ricerca della notizia che fa più effetto sul proprio pubblico, notizia che dopo poche puntate viene sostituita da una ancora più eclatante, senza che chi ne parli e discuta abbia un reale interesse in tali accadimenti. La cosa che forse colpisce di più è il fatto che si tratta di un racconto del 1996 e le cose non sono per nulla cambiate, anzi, ora con le nuove tecnologie chiunque può essere il reporter al servizio dal desiderio di assistere e “far parte” della tragedia del momento. Molto azzeccato nell’introduzione il parallelismo con Crash di Ballard, romanzo ancora più forte di Rumore grigio e denso di significati.

View all my reviews