Trama:

Ha trent’anni. È un avvocato. Vive in una cittadina della Galizia, in Spagna. Come tutti, apprende la notizia dalla televisione: in una piccola repubblica del Caucaso, un gruppo di guerriglieri ha preso d’assalto una base militare russa. Un «normale» atto terroristico in una delle zone più turbolente e instabili del pianeta? Così sembra.
Ben presto, però, s’insinua il sospetto che sia successo qualcosa di più grave. Qualcosa che non può essere controllato. Un’esplosione atomica? Un virus? Poi, tra lo sconcerto generale, la Russia annuncia la chiusura delle proprie frontiere e, nel giro di pochi giorni, tutti i Paesi dell’Unione Europea fanno lo stesso. Poi intere città vengono isolate e messe in quarantena. Poi entra in vigore la legge marziale.
Ma è tutto inutile.
Ormai niente è più come prima. Non c’è elettricità, manca l’acqua potabile, la benzina è finita, gli scaffali dei negozi sono vuoti. Nessun uomo gira per le strade. Perché chi lo fa non è più un uomo. È diventato uno zombie.
Ha trent’anni. È un avvocato. Vive in una piccola città della Galizia, in Spagna. E forse è l’unico sopravvissuto all’Apocalisse Z…

Pagine: 416

Editore: Nord

Amazon: http://www.amazon.it/Apocalisse-Narrativa-Nord-Manel-Loureiro/dp/8842916951

Recensione:
Delusione su tutti i fronti, dopo un inizio scoppiettante e promettente. La buona impressione data dalla lettura delle prime pagine ė pian piano scemata con lo scorrere delle pagine, sino ad arrivare ad un giudizio mediocre a fine romanzo. Termini ripetuti allo sfinimento, vedi inferno e paesaggio dantesco, personaggi piatti, quello più interessante ė un gatto, nessuna idea innovativa o perlomeno fresca, dopo la buona idea-base di partenza. L’occhiolino al regista Romero per quanto riguarda il pilota di elicotteri non fa che peggiorare il mio giudizio generale del romanzo; insomma Apocalisse Z ė scorrevole e poco più e non sono per niente curioso di leggere il seguito.

Annunci

Informazioni su elianto782

Amo la lettura, horror in primis, il cinema, la musica e il Calcio.

»

  1. claudia garage ha detto:

    concordo con il tuo giudizio, inoltre mi è sembrato come se l’autore abbia fatto delle scelte impegnative, e poi non le abbia sapute gestire, come l’anonimato del protagonista e la forma di blog/diario, che appaiono forzate… peccato!

  2. Capitan Daddy ha detto:

    però… è nato come un blog e solo dopo si è trasformato in un romanzo, gli altri due libri sono molto diversi, soprattutto l’ultimo che è il più particolare con scelte di trama davvero al limite (possono far ridere) ma apprezzabili per il coraggio. loureiro in fin dei conti è un avvocato/giornalista prestato alla narrativa e beato lui è riuscito a pubblicare qualcosa che comunque ritengo buono. a breve l’adattamento cinematografico/televisivo della serie.. speriamo bene!!

    • elianto782 ha detto:

      Benvenuto! Beh se ha continuato a pubblicare la trilogia in Italia è solo grazie ai suoi fan che si sono attivati nei vari network per leggerne il seguito! Quindi credo che qualche merito lo abbia senza dubbio per i suoi lettori/fans. Il film/telefilm lo vedrò senz’altro 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...